IL VIAGGIO

Administrator on 06/08/2016

Il fascino della preparazione

Dalla Moldavia all'Ucraina poi la Russia fino alla Crimea

Il fascino della preparazione di un viaggio supera spesso il viaggio stesso. Una carta geografica, documenti, ritagli di giornali, lettere scritte da mio padre nel 1942 con nomi che ho ascoltato decine di volte, Millerovo, Kantamirovska, Voroscilovgrad, Kharkov.
Sulla differenza tra viaggiatore e turista sono state scritte decine e decine di pagine e articoli che cercano di spiegarne la diversità. La sostanziale differenza sta nel tempo a disposizione e nei mezzi di spostamento, nell’interesse di “scoperta” e nel contatto con la gente del posto. Io non viaggio solo per fotografare, ma per seguire una storia, per lavoro, ma molto spesso per puro interesse personale.
Scriveva Tiziano Terzani:
"Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l'immagine di un'idea.
Bisogna capire cosa c'è dietro i fatti per poterli rappresentare. La fotografia - clic! - quella la sanno fare tutti."

La strada da percorrere sarà lunga e da “viaggiatore”, non sempre facile, lascerò le mie montagne di nuovo per le ex repubbliche sovietiche e poi per le pianure sconfinate della Russia fino a raggiungere la Crimea.

Indietro


Maurizio Papucci Fotogiornalista via A. D'ancona 15 - Massa (MS) Tel. +39 0585.488201 - cell. +39 3388145235 - PI 00661800458 Per email, accedere alla sezione "CONTATTI"
Based on design by alpor.at